Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Pendolarismi cronici’ Category

Da zero a cento in tre passi. Nulla per un anno e poi tre post in un giorno, ma sono stato obbligato dal tempo e dalle situazioni.

Il primo era dovuto, il secondo è capitato improvviso e non avrei mai voluto scriverlo. Il terzo sì !!!

Perché era tanto che volevo usare la parola “Endorsment” ! Che figo.

No scherzo, è che quando mai mi ricapiterà di avere per amico un quasi candidato sindaco ?

Ok, per ora è solo candidato alle primarie, ma si sa, nel cuore rosso della Toscana, vincere le primarie di un certo partito, significa avere grandissime probabilità di diventare sindaco. Un po’ come quei tornei dove in una semifinale si affrontano le due favorite e nell’altra due outsider. Si dice che la prima delle due semifinali sia più o meno una finale anticipata.

E bravo Simone !

E dire che non posso votarti… non sono più residente, lo sai !

Ma non potevi farlo prima ? 🙂

L’ho conosciuto sotto il servizio civile, 14 anni fa, quando allora lui era già un giovanissimo assessore alla cultura. Era un po’ come se fosse il mio capo, dato che mi avevano piazzato in biblioteca. Da lì ne è nata un’amicizia che ha trovato incredibilmente sfogo, udite udite, nel fantacalcio. Un’attività che ci permetteva di rimanere in contatto settimanalmente, di prenderci in giro e di riderci su.

Il tutto si intersecava con i suoi mille impegni, dalla Fornace Pasquinucci della quale è stato per anni presidente, alla sua attuale attività di imprenditore nel campo delle telecomunicazioni, che negli ultimi anni lo ha portato in giro per tutta la penisola a tenere banco di fronte a platee di persone.

Fino all’ultima pazza idea, quella di camminare per tutte le strade del comune, e riportarne le storie sul suo Montelupo Walk, blog per il quale son contento di aver scritto personalmente tre o quattro articoli.

Forse camminare e parlare con la gente in lungo ed in largo per tutto il comune, gli ha fatto scattare l’ultima scintilla e decidere di candidarsi. Chissà. Certo è, conoscendolo, che l’idea doveva frullargli in mente da un po’ di tempo.

Tanto per far capire la dimensione territoriale, il fratello del suo avversario giocava con me a calcio quando ero piccolo. Si tratta dell’attuale vicesindaco, e non sarà quindi una sfida facile, considerato l’abbrivio che potrebbe avere chi arriva da un ruolo importante nella giunta uscente. Infine, chi vince avrà probabilmente per avversario nella corsa a sindaco un altro ragazzo che ho conosciuto da ragazzino. Una generazione che cresce…

Domani a Montelupo quindi votano. Io avrei saputo senz’altro come votare, ma non posso 😦

La cosa bella è che ci sono le primarie anche quassù in collina, nel comune dove abito adesso. Eppure mi sembra di saperne meno di quanto accade giù a valle…

Altre info qui.

In bocca al lupo Simo !

aaa

Read Full Post »

Una settimana fa mi son fatto più di tre ore di fila per percorrere 15 km a causa di un camion che ribaltandosi aveva invaso entrambe le carreggiate e perso il suo contenuto (un carico di specchi industriali). Incidente avvenuto alle 6 di mattina: una carreggiata liberata a mezzogiorno, l’altra nel pomeriggio.

Il giorno dopo altre code causate da lavori in corso programmati da tempo per “rinforzare” la scarpata, in quanto l’asfalto ormai da mesi stava dando inquietanti segni di sprofondamento, ed il fatto che se viaggi in direzione Firenze alla tua destra ci sia il vuoto non è cosa molto rassicurante.

Mettiamoci pure che il fatidico 17 dicembre scorso bastò mezzora di neve per pensare bene di chiuderne un bel tratto e contribuire a paralizzare mezza regione.

Mettiamoci pure che manca la corsia d’emergenza.

Mettiamoci pure che a parte alcuni tratti riasfaltati di recente (ma che mostrano già preoccupanti segni di cedimento, come quello da Firenze a Ginestra, rimesso completamente a nuovo dall’amministrazione provinciale sotto la guida di Matteo Renzi durante un lungo anno di lavori da maggio 2007 a maggio 2008), ce ne sono tantissimi altri che fanno pena.

Mettiamoci pure che di incidenti come quello indicato in apertura purtroppo ce ne sono tanti, e tutte le volte si crea un caos della madonna perché l’organizzazione del deflusso è sempre così così, limitata anche da assenza di via di fuga in alcuni tratti troppo lunghi (Ginestra-Lastra), o di strade alternative per far defluire il traffico che in effetti sono poche ed ovviamente si intasano subito (ad esempio la statale 67).

Ma mettiamoci pure che tutti i soldi spesi per i pannelli informativi sono buttati via, se i pannelli non li aggiorni o non li metti all’entrata della superstrada (come a Montelupo), e pure che in alcuni tratti la carreggiata è più stretta di quanto previsto dalla legge (Montelupo), e che alcune rampe d’accesso sono un suicidio da quanto sono strette (Lastra direzione mare), e anche che mentre tutto il mondo sta togliendo i new jersey, in Fi-Pi-Li ne hanno piazzati tonnellate negli ultimi anni, senza tener contro dell’ “effetto trampolino”… tanto che sembra che il camion di cui sopra abbia messo una ruota sopra il new jersey e patatrac.

Insomma non continuo più tanto credo che si sia capito che proprio non mi sembra nè giusto nè logico dover leggere una notizia dove si ipotizza lintroduzione di un pedaggio per la Fi-Pi-Li.

Un’autentica presa in giro per migliaia di toscani che ogni giorno pendolarizzano su di essa, compreso il sottoscritto.

Già da mesi si sente dire di un pedaggio sulla Fi-Si, che mi pare in condizioni addirittura peggiori della Fi-Pi-Li, tanto che le amministrazioni locali si sono giustamente rivoltate contro quest’ipotesi.

Ma che in Toscana vogliono la rivolta dei pendolari ?

PS: era tantissimo che non parlavo della Fi-Pi-Li e proprio non ne sentivo la mancanza. Avevo volutamente soprasseduto anche alla disavventura di lunedì scorso per non calcare la mano. Ma quando è troppo è troppo…

 

una coda in Fi-Pi-Li

Read Full Post »

 
Finalmente, ieri sera è accaduto questo:
 
img515/7950/fipiliun0.jpg
 
Con abbondante anticipo, visto che inizialmente la riapertura era prevista per maggio, quindi per fine marzo, infine annunciata la settimana scorsa per il 12.
 
Ed allora ieri, tornando in serata dal lavoro mi ero accorto che effettivamente solo i primi 2 dei 10 km che separano le due uscite della Fi-Pi-Li in questione, erano ancora sotto cantiere, con traffico dirottato su una sola carreggiata a doppio senso di marcia, mentre tutto il resto della strada era ok. Insomma, un piccolo intoppo che comunque non incideva sull’esclamazione finale "Era l’ora!"
 
Quindi stamane, tutto contento, son tornato a fare la Fi-Pi-Li per andare al lavoro, cosa che non accadeva ormai dal maggio scorso.
Tutto liscio come l’olio per 5-6 km, su una strada nuova di zecca, finchè non ci siamo fermati di botto. E per fare gli ultimi 5 km ci ho messo 45 minuti !
Con il risultato che per la prima volta in 4 anni di lavoro sono entrato con un quarto d’ora di ritardo !
Che cappero è mai successo ? Nei paraggi non è stato segnalato nessun incidente…
 
E’ pazzesco, se non riaprivano nulla e facevo strada normale come sempre arrivavo in tempo…
 
E domani che strada prendo ? Bella domanda.
 

Read Full Post »

 
E’ di due giorni fa un’importante dichiarazione del presidente della Provincia di Firenze Matteo Renzi a proposito della Fi-Pi-Li: in sostanza dice che entro il 30 marzo (2008, si spera) saranno completamente riaperti i 10 km che separano Ginestra da Lastra a Signa. Quindi stop a deviazioni, salti di carreggiata, buche e quant’altro, almeno su questo tratto. La notizia completa la trovate qua. Renzi poi si crogiola nelle lodi a sè stesso ed alla sua organizzazione, dovute alla riapertura con due mesi di anticipo rispetto ai tempi previsti e sottolinea che comunque i lavori continueranno su altri tratti della FiPiLi, d’altronde c’è da rifarla tutta…
 
Ma riaprire quei 10 km per me è praticamente vitale.
L’incubo cominciò quasi un anno esatto fa, con questo post d’esordio. Poi l’argomento mi stava tanto a cuore (anzi a fegato) che gli dedicai tutta una serie di post, riassunti nella categoria "Pendolarismi cronici".
Poi lasciai perdere l’argomento, un po’ per non stufare i miei lettori, un po’ perché tanto ormai m’ero arreso, un po’ perché c’erano già altri blog velenosi specificatamente dedicati alle noie da Fi-Pi-Li, e molto perché tanto da maggio ho praticamente smesso di prenderla per andare a lavorare. Sono mesi che faccio strada normale… fra statali, curve, stradine intasate e limiti di velocità strettini.
Se le parole di Renzi venissero confermate tornerei a percorrerla. Almeno i lavori dovrebbero averla migliorata (si spera)… non che ci volesse molto in realtà, data la schifezza che era prima.
 
E comunque sarà bene finirli il prima possibile questi dannati lavori dato il casino che è successo oggi in Fi-Pi-Li, che ha comportato l’intasamento totale anche delle strade alternative, compresa quella che percorro io, con conseguente arrivo in ritardo e timbratura (perché ahimè: io timbro) off-limits !
 
 
 

Read Full Post »

 
Dato che parlano tutti ed a sproposito (secondo lui), il Presidente della Provincia di Firenze, Matteo Renzi, ha recentemente parlato in due conferenze stampa (fine giugno e fine luglio) sulla situazione della cara Fi-Pi-Li.
Si trovano su Youtube; il nickname di chi le ha pubblicate è proprio "matteorenzi"… sarà lui od un simpatico burlone ? Secondo me è lui anche perchè ci sono altri video a suo nome su svariati argomenti "istituzionali".
Vi riporto dette conferenze per intero. Guardatevele e giudicate.
 
26/06/07
 
  
 
25/07/07
 
    
  

Read Full Post »

 
Era da un po’ di tempo che non scrivevo qualcosa sulla Fi-Pi-Li, precisamente da metà maggio quando scrissi tre post di fila
Anche perchè per evitare i soliti isterismi quotidiani, ho cominciato da circa un mese, se non di più, a fare strada normale sia per andare che per tornare dal lavoro. In Fi-Pi-Li ci salgo solo per andare a Firenze in serata, per affari miei.
 
Aggiornamenti ?
Beh, il cantierone di 4 km fra Lastra a Signa e Ginestra ha cambiato fisionomia, nel senso che nella prima metà hanno finito di rifare l’asfalto della carreggiata che andava verso Firenze, che quindi è stata riaperta, ma mi sa tanto che a breve chiuderanno l’altra carreggiata per fare altrettanto. Quanto al posizionamento del new jersy nella seconda metà del cantiere, campa cavallo…
Ma è cambiata fisionomia soprattutto nel paesaggio che circonda quel tratto di Fi-Pi-Li. Infatti, la povera collinetta di Inno (credo sia quella) è stata letteralmente sbancata per ricavare terra per i lavori. Dove c’era un fresco verde selvaggio (certo, mica bello curato, ma sempre verde era), adesso ci sono solo ruspe e tanta terra rimossa. Con gli alberi in cima alla collina che sembrano reggersi a stento, su una base che piano piano scompare.
 
Ma questo post è soprattutto per dirvi che ho trovato un sito (anzi è un blog) che parla come si deve della Fi-Pi-Li.
Mica come il servile www.fipilissima.it dove tutto sembra bello. No, no, questo è curato da un ragazzo che ogni giorno si sorbisce l’incazzatura delle code e degli slalom fra i cantieri. Quindi è curato da chi la Fi-Pi-Li la usa, anzi la subisce.
Leggete, partecipate e commentate, ne vale la pena.
Il sito (ovviamente non-ufficiale come tante cose che funzionano) è semplicemente www.fipili.it , ve lo consiglio.
 

Read Full Post »

 
Allora, stamani l’ho visto in diretta andando al lavoro.
C’era l’omino che piantava i "delineatori flessibili in gomma" al centro della carreggiata. Cosa sono ? Sono quei cosini piccoli, che se ci passi con la ruota li porti via. Ecco si chiamano in quel modo. Questi:
 img260/7138/dfr29et1.gif
Dove ? Ma facile, sull’ormai mitico cantiere Ginestra – Lastra a Signa sulla Fi-Pi-Li. Ma sapete dove li piantava ? Alla fine del cantiere, quando ormai mi sembrava che fosse tutto finito, e lo faceva perchè, signore e signori, il cantiere s’allunga ! Altri 2,5 km in direzione Firenze… evvai !
 
Più seriamente, stavolta il sito www.fipilissima.it ne parla e dice che fino al 26 giugno (segnatevi anche questa), il cantiere avrà in pratica questi lavori: nella parte "vecchia" del cantiere, dove ora si va in doppio senso di marcia sulla carreggiata in direzione mare, è stata chiusa la direzione Firenze per rifare il fondo (come avevo anticipato nel post precedente), mentre nella parte "nuova", quella che stavano allestendo proprio stamani, si sostituiranno le ormai fondamentali barriere New Jersey…
Il guaio è che si sa dove e quando si comincia , ma non dove e quando si finisce…
 
Comincia un altro incubo.
Intanto oggi, poco prima di uscire dal lavoro, una collega mi ha avvisato che la superstrada stava collassando proprio in corrispondenza del cantiere ormai raddoppiato, ed allora per tornare a casa mi son fatto strada normale, passando sotto le vecchie mura di Lastra a Signa.
 
Ormai credo di aver completato l’opera (speriamo) con questo post che è addirittura il terzo di fila dedicato alla Fi-Pi-Li. Ora basta, sennò diventa il Fi-Pi-Li-Blog, e per di più manco mi pagano…

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: