Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Taccuino’ Category

Con un anno di ritardo rispetto alla reale data dell’avvenimento, nel luglio 2012, in preda ad un raptus bloggistico di quelli che ti prendono improvvisi dopo mesi e mesi di silenzio, scrissi questo post dove  descrivevo l’inizio di una fase importante della mia vita.

Oggi, giorno di Pasqua 2013, dopo 21 mesi arriva uno stop forzato, che a rigor di logica prevederebbe un contro-post con tanto di descrizione di un percorso inverso rispetto a quanto scritto allora. Evito perché vorrebbe dire farsi del male.

Un ritorno al passato previsto da tempo, è vero, per cause che possiamo tranquillamente definire  “tecniche”, ma che dal punto di vista emotivo non fila via proprio liscio come l’olio. Ed è normale, anzi sarebbe preoccupante se non fosse così.

La speranza è che fra qualche mese (meglio se pochi), ci possa essere un contro-contro-post, che ripercorra nuovamente all’indietro il tutto e chiuda finalmente la mia storia recente degli spostamenti.

Definitivamente.

trasloco

 

Read Full Post »

‘Ndaa Capitale

Ogni tanto ci piace prenderci una giornata romana.

La Capitale val sempre una levataccia.

Col frecciargento ad un prezzo ridicolo grazie alle offerte supereconomy, alle 9 di mattina ti trovi già a Roma Termini.

Metti poi che c’è un bel sole e le temperature non sembrano neanche invernali, e il gioco è fatto.

Quanta gente nella capitale: da San Pietro alla coloratissima Piazza Navona in attesa della Befana; dal Colosseo al Campidoglio, da Trinità de’ Monti a Piazza del Popolo.

Forse pure troppa gente… infatti magari sarebbe stato meglio fare i conti anche col fatto che il 5 gennaio cominciavano i saldi, ed a momenti bisognava fare a gomitate anche solo per camminare, specie nelle vie dello shopping romano…

Però, è stata una bellissima giornata lo stesso.

php7fQSCbAM

Piazza Navona alla vigilia dell’Epifania

Ari-vedeeerci Roma…

Read Full Post »

Rebloggo volentieri un post che ho scritto in questi giorni per il blog di un mio amico.

Si tratta di Simone Terreni, un tipo che si è messo in testa di esplorare tutto il comune di Montelupo Fiorentino (meno male che è piccolo)  scarpinando per ogni singola via, anche la più piccola e nascosta, e raccontare una storia su ogni strada percorsa. Ogni tanto chiede aiuto agli amici e quello che ho rebloggato è il mio piccolo contributo.

Il suo blog è MontelupoWalk . Simone è un autentico esperto di questo mondo. A dirla tutta fu lui che mi spinse ad aprire un blog tutto mio nell’ormai lontano 2006. Lui ne aveva già uno suo personale ed in più stava pure contribuendo alla rete di Blogosfere. Come se non bastasse, dato che con altri otto amici facevamo un torneo di fantacalcio, ci convinse pure ad aprire un blog per gestirlo.

Insomma un vero e proprio blogger.

Si può forse dire di no a tale invito ?

Montelupo Walk

Ricevo e pubblico molto volentieri un contributo di Michele Montagnani su via Giordano Bruno:

Via Giordano Bruno è la via più lunga di Fibbiana,
ed è quella che porta a Montelupo, passando per Torre e S.Quirico. E’ una delle cinque vie che diramandosi da Piazza San Rocco costituiscono lo scheletro principale del paese, tant’è che negli anni in cui vengono organizzati i giochi delle “borgate fibbianesi”, le squadre riportano proprio i nomi delle cinque vie principali: Fonte, Croci, Piano, Ponte e… Botteghe !
Come, e Via Giordano Bruno ???

Per un fibbianese, Via Giordano Bruno non esiste, esiste Via delle Botteghe.

“Indo’ tu stai ?” “Alle botteghe!”

La cosa da piccolo non mi è mai quadrata: di botteghe alla fin fine non ce n’erano tante.

C’era Francesco, alimentari vecchio stampo proprio in cima alla via, dove tocca Piazza San Rocco, davanti alle scuole elementari (oggi asilo). Poi c’era…

View original post 634 altre parole

Read Full Post »

Domenica d’autunno

Domenica, dopo pranzo, c’è un bel sole.

Scappi di casa e ti metti alla guida, prendi una strada a caso direzione Chianti.

Guidi per circa mezzora, tra panorami che dai per scontati ma che il mondo intero pagherebbe oro per vedere tutti i giorni. Poche auto in giro, lei sta accanto a te si gode la vista in totale silenzio. La strada ti porta ora in basso alla vallata, ora in alto sulla collina, tra colori che anche se hanno perso lo smalto dell’estate, non vogliono saperne di cedere al dominio del giallo dell’autunno.

Come in una mostra d’arte naturalistica passi in rassegna filari di alberi, vigne, appezzamenti coltivati di tanti colori diversi. Il tuo passaggio è salutato da alberi ancora frondosi che si tengono strette le foglie facendosi beffe di un novembre alle porte; fattorie isolate ti offrono vino e prodotti tipici; castelli ben conservati ti promettono un tuffo nella storia.

Sei immerso nel silenzio, e quasi implori la tua auto perché faccia il minor rumore possibile.

Arrivi alla tua meta, scelta a caso una volta in strada. Non c’è niente e nessuno, giusto quattro turisti, non è periodo di feste o rievocazioni storiche. C’è solo il verde della natura ed il grigio delle case antiche. La chiesetta, le viuzze, due panchine in un giardino nascosto.

Ti siedi su un muretto con le gambe a penzoloni su una vallata che ti riempie la vista, che pochi chilometri più avanti risale verso il colle successivo. Ci stai un’ora su quel muretto, non dici quasi niente. Lei sta lì con te e si gode le stesse sensazioni.

Non ti alzeresti mai da quel muretto. Pensi che il giorno dopo ti immergerai di nuovo nel caos e… scuoti subito la testa scacciando il pensiero. Non c’è posto per i pensieri quando si vuole star bene.

L’unico eccesso mondano che ci concediamo è un gelato nel paese vicino, giusto un po’ più famoso, popoloso e turistico del paese appena visitato.

Sembra tutto finito, ma la malinconia è alleviata dal fatto che se i titoli di coda vogliono davvero scorrere, allora lo faranno sulle immagini che vedremo facendo la strada del ritorno, ovvero lo stesso spettacolo di prima ma visto alla rovescia.

 

foto presa da internet

Read Full Post »

Ottobre 2012.

Arriva.

Nel 2007, circa 21.000 fortunati lo hanno visto dal vivo, mentre altri 20 milioni hanno potuto solo provare a collegarsi su internet per comprare un biglietto, invano.

Io scrissi tutto in questo post.

Adesso ne fanno un film.

Read Full Post »

Centoventi

Settimana particolare al lavoro.

In azienda si festeggiano i 120 anni di attività e per l’occasione la settimana è piena di eventi:

– cerimonie in Palazzo Vecchio e in Chiesa di Orsanmichele;

– workshop vari;

– inaugurazione in pompa magna di una nuova linea produttiva, con stuolo di autorità locali e giornalisti al seguito;

– pranzo aziendale per tutti i dipendenti.

Lo sport serale più diffuso è la ricerca del servizio tv sulla rete locale, o del ritaglio di giornale che parla di noi, meglio se corredato da foto.

La domanda più diffusa è: ma quando festeggeremo i 150, saremo ancora al lavoro ?

Se saremo al lavoro non lo so (tanti sono i fattori), ma di certo mi sa tanto che ancora, almeno io, non sarò in pensione…

 

Read Full Post »

Bom feriado !

Ci siamo.

Fra un po’ si parte. Quattro giorni in una città europea e poi qualche altro dì al riposo sul litorale toscano.

Per andare non userò il mezzo qua sotto, ma di sicuro ne troverò tanti.

 

Non vi chiedo neanche di indovinare di quale città si tratti… c’è scritto sul tram !

Tchau !!!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: