Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Museo della Ceramica’

Ne avevo già parlato nell’articolo di chiusura del Nautilus di Montelupo, e ora, ad un mese di distanza è pronta l’apertura del nuovo MMAB.

Voglio bene a quell’ambiente, e anche se adesso abito lontano non posso che fare il più grosso in bocca al lupo a chi sarà protagonista di questa nuova avventura.

Poi vabbé, facciam finta di non fare caso al fatto che l’inaugurazione avviene a pochi giorni dalle elezioni comunali…

Bellissima comunque l’idea della catena umana, dalla vecchia alla nuova sede, per il trasloco degli ultimi 1000 libri.

L’articolo completo, a questo link.

 

Read Full Post »

Se hai Firenze a 25 km a est, Pisa a 50 a ovest e Siena a 80 a sud e ti metti a proporre cultura devi farti una domanda: il turista medio che viene in Toscana, dopo aver visto queste tre città, sempre che le visiti tutte in una volta, cosa fa ?

Se gli avanza tempo, soldi ed ha voglia di spostarsi allora forse viene da me (sempre che sia informato della mia esistenza), altrimenti torna a casa già soddisfatto della full immersion di arte e cultura in genere che s’è concesso.

E chissà se nel Circondario Empolese Valdelsa questo conto l’han fatto. La cultura è importante ma va promossa bene ed un po’ di conti bisogna pur farli. Nessuna obiezione a chi propone idee per diffondere conoscenza, ma almeno un po’ di riguardo sui numeri ci vorrebbe.

Posto che la stella turistico-culturale del Circondario per ovvi motivi è Vinci, che con le attività legate al nome di Leonardo unitamente agli agriturismi ed al suo paesaggio viaggia che è una bellezza, ad investire pesantemente sulle tradizioni delle altre località della zona si rischia di fare il passo più lungo della gamba, come sta accadendo nel caso del Museo della Ceramica di Montelupo, del Mu.Ve. di Empoli e del Be.Go. di Castelfiorentino costati un occhio e che presentano risultati deprimenti secondo quanto risulta da questa inchiesta fatta dal sito locale www.gonews.it dove trovate tutti i dati in termini di costi, presenze ed incassi dei tre musei.

Va bene, la “rendita” della cultura va oltre a quella degli incassi, è un arricchimento intangibile, ma anche tenendo fermo questo presupposto, i numeri dei biglietti strappati la dicono lunga sull’interesse. E comunque quando hai enti che investono fior di quattrini e non vedono risultati, anche l’aspetto meno nobile dell’esistenza di un museo deve essere analizzato.

il "Rosso di Montelupo" - Museo della Ceramica di Montelupo Fiorentino

 

Fra i tre indicati ho visto solo il primo, d’altronde abito a due passi.

Nato nei primi anni ’80, quando ancora i reperti erano pochi (gli scavi furono rinvenuti a fine anni ’70) inizialmente non era solo un Museo della Ceramica ma era per lo più Museo Archeologico, dato che scavando alla ricerca di ceramiche rinascimentali vennero fuori anche reperti di altro tipo.

Mi ricordo le visite con la scuola elementare. Poi si è ingrandito tanto da dover cambiar sede, fino all’ultimo spostamento coinciso con il grande progetto del 2008, costato la bellezza di 4,6 milioni di euro.

Adesso il Museo è solo della ceramica, mentre il Museo Archeologico è stato “scisso” e vive a sè, in una sede più piccola. Mentre nella vecchia sede del museo della ceramica è nato un Museo Contemporaneo riguardante sempre l’artigianato locale.

Andai all’inaugurazione nel 2008, e ricordo la notizia dell’apertura anche sulla bocca di persone non della zona, amici e colleghi, grazie anche al battage pubblicitario fatto dalla Provincia (che investì non poco). Ma dopo i primi giorni l’appeal è ovviamente sceso. In un posto del genere il turista ci va portato di peso, magari organizzando un percorso di musei o qualche convenzione che coinvolga chi già si trova a Firenze, o in altre località non lontane. Sui locali poi devi fare poco affidamento: gli abitanti son pochi nel circondario, ed una volta passata la novità dell’apertura…

Il museo è anche bello per carità, moderno e fatto bene: ne avevo già parlato in un mio vecchio post quando lo andai a visitare quasi tre anni fa. Speriamo che si inventino qualcosa per fargli aumentare le visite, perché così è un po’ sprecato.

Il Mu.Ve (1,1 milioni di euro) ed il Be.Go (1,2) non li ho ancora visti.

Il primo ha aperto pochi mesi fa e data la vicinanza ogni occasione può esser buona per visitarlo (me l’ero già ripromesso).

L’altro è un po’ più lontano e bisogna andarci apposta, quindi la vedo meno probabile almeno a breve…

Ecco vedete ? Persino i “locali” come me esitano… andiamo bene !

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: